DeMo

Tra “suggestione e realtà” esiste uno spazio, democratico, aperto, inclusivo, di relazione e di progetto locale e globale nel contempo, che vive su ogni territorio e sulle gambe delle persone. Le stesse gambe che, come ci ricorda Alan Ferrari, quando passano dalla camminata alla corsa non possono più tornare indietro. Dal coraggio di correre, di non avere più quindi entrambi i piedi appoggiati a terra, ma solo uno proiettato verso il futuro, nasce nel pavese DeMo.

DeMo è uno “spazio” innovativo, che ha due obiettivi principali: costruire una fitta rete di relazioni e di scambi tra persone, dando così impulso ad un movimento continuo tra persone e idee, in secondo luogo fungere da attivatore per progetti che possano trovare una realizzazione effettiva, con l’obiettivo ultimo di dare una spinta concreta allo sviluppo del territorio pavese e, in piccolo, dell’Italia.

A DeMo le idee cercano e trovano la forza per diventare progetti concreti grazie ad una comunità che lavora in sinergia.

Lo scambio di buone prassi, il confronto tra esperienze di successo, la produzione di idee innovative e la capacità di affrontare le criticità del territorio con realismo e con la voglia di trovare soluzioni, sono gli elementi che fanno di DeMo un laboratorio di progetti concreti e di proposte innovative, dove diverse capacità sono messe in rete e a sistema. Proposte ed esperienze realmente a disposizione del territorio e della comunità.

Proprio la comunità è l’asse portante di DeMo, ossia il desiderio/bisogno di svolgere un lavoro insieme, di sostenere tramite l’opera di un laboratorio le potenzialità di un collettivo: DeMo non è un semplice momento in cui una volta all’anno si discute di qualche tema, ma è un processo continuo e stabile di scambio e contaminazione

Questo perché in campo non c’è solo una storia di individui, ma soprattutto una storia di relazioni e di obiettivi, che hanno un luogo e una modalità per continuare ad attivarsi nel tempo, per trasformarsi in progetti e tanto altro.