IO, ALAN FERRARI

Come dice Wikipedia, sono nato a Pavia il 14 febbraio 1975 e sono “un politico italiano”. Alle elezioni politiche del 2013 sono stato eletto deputato della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione III Lombardia per il Partito Democratico.

La storia del mio impegno nella politica viene però da più lontano. Una responsabilità vissuta con entusiasmo, dedizione e sostenuta da idee e valori che avevano il suono della voce di mio padre Paolo, che è stato Sindaco di Giussago, un comune pavese alle porte dell’hinterland milanese. Giussago è dove sono cresciuto: ettari di mais, riso, cascine che si appoggiano tra lo scorrere del Naviglio e la statale per Pavia; un territorio e la sua gente che vivono tra tradizione e progresso, tra campagna e metropoli.

Avevo 25 anni quando sono stato eletto in Consiglio comunale per poi assumere la carica di assessore alle Politiche sociali del Comune di Giussago; incarico che ho mantenuto fino al 2010.

La legislatura seguente sono stato rieletto in Consiglio comunale e ho assunto la carica di capogruppo di maggioranza fino all’elezione in Parlamento.

Un percorso a tappe e sempre affrontato con rigore, senza risparmiarsi, proprio come si impara quando si amministra un paese di cinquemila anime. Sul piano politico ho ricoperto la carica di Segretario provinciale del Partito Democratico della federazione di Pavia dal 2009 al 2013 e prima diversi ruoli dirigenziali nel PDS, poi DS, occupandomi in particolare del coordinamento del Dipartimento Lavoro.

Poi, il 29 dicembre 2012, le Primarie, dove sono risultato largamente il primo degli eletti, destinazione Montecitorio.
Sono membro della Commissione Affari Costituzionali, della Presidenza del Consiglio e degli Interni e, nel corso della legislatura mi sono occupato di diversi progetti di legge – anche come Relatore – come la Riforma della Pubblica amministrazione o la riforma costituzionale e le leggi elettorali.

Sul piano professionale, come ingegnere civile, ho svolto funzioni di programmazione, progettazione e direzione lavori presso il settore di Edilizia Residenziale Pubblica del Comune di Milano, poi dal 2007 fino al 2010 sono stato direttore di AISLO, Associazione Italiana di Sviluppo Locale.

Da appassionato dei temi legati allo sviluppo sostenibile dei territori rurali, innovazione ed economia circolare sono diventato, nel corso degli anni 2000, allievo del professor Luca Meldolesi, con il quale approfondisco tutt’ora la conoscenza e lo studio dei temi legati al federalismo, all’Europa e all’evoluzione della pubblica amministrazione, seguendo con particolare interesse gli insegnamenti di Albert Hirschman ed Eugenio Colorni.

Dal 2015 sono promotore ed organizzatore di DeMo, il laboratorio di democrazia partecipata che nell’autunno di ogni anno raccoglie a Pavia circa 500 persone, tra cui diversi studiosi e manager da tutta Italia, per riflettere sul tema delle “small valley”, delle interconnessioni culturali ed economiche tra aree rurali e nuove tecnologie, così come delle potenzialità e ruolo di questi assetti territoriali nel mondo globale.

Ora sono candidato, tra le fila del Partito Democratico, nel collegio plurinominale “Lombardia 1” che, il prossimo 4 marzo, eleggerà i rappresentanti al Senato della Repubblica.

Condividi su